Quest'azienda turca usa brillantemente il riciclaggio delle bottiglie per aiutare i cani randagi.


Pubblicata il 22 Jul 2014  


Ci sono centinaia di migliaia di cani senza casa in tutto il mondo. E' difficile capire, in generale, perché siano così tanti. Alcuni credono che un'irresponsabile allevamento degli animali da compagnia abbia provocato il boom dei senzatetto, mentre altri suggeriscono che la causa sia la mancanza di una politica di controllo della popolazione. Indipendentemente dalla causa, ci sono cani senzatetto che hanno bisogno del nostro aiuto.

Pugedon, un'azienda turca, sta lavorando per aiutare le persone e i cani senzatetto che vivono a Instanbul. L'idea che hanno sviluppato è brillante.

I cani randagi ad Instanbul è un serio problema. Le strade ne sono piene.

Foto

Perciò, Pugedon ha sviluppato qualcosa che può aiutare cani e persone.

Foto

Geniale!

Foto

Questa scatola è solo un bidone del riciclaggio. Tuttavia, può fare molto di più di questo. La macchina è dotata di contenitori per l'acqua (dove è possibile versare l'acqua rimanente prima di riciclare la bottiglia) e cibo per cani. Ogni volta che una bottiglia viene riciclata, una quantità fissa di croccantini viene erogata nel contenitore. Le bottiglie riciclate coprono il costo del cibo, quindi nessuno deve finanziare la fornitura.

Non convincerà solo la gente a riciclare di più, ma permetterà anche alla popolazione dei randagi affamati di essere alimentata. Guarda la macchina in azione:

(Fonte: BigThink)

Questo bidone del riciclaggio cattura due piccioni con una fava. Sarebbe incredibile vedere più unità come questa apparire in tutto il mondo. Stiamo annegando in plastica che usiamo. E moltii randagi muoiono di fame. Era tempo di trovare una soluzione.

Convidivi questa geniale idea cliccando qui sotto

| Condividi su Facebook

Ti è piaciuta?   


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. - Disclaimer